Fondata nel 1981, ASSOERBE è l’unica associazione di categoria che rappresenta il settore delle piante medicinali, aromatiche e da profumo, delle spezie, degli estratti vegetali, degli oli essenziali e dei loro derivati e che difende il loro impiego nei prodotti per la salute ed il benessere.


ASSOERBE difende la tradizione e il patrimonio culturale nazionale sulle piante medicinali, aromatiche e da profumo.

Sono soci ASSOERBE i trasfo
rmatori, importatori, esportatori e commercializzatori di piante medicinali, aromatiche e da profumo, di spezie, estratti vegetali, oli essenziali e dei prodotti da questi derivati quali alimenti e mangimi, integratori alimentari, cosmetici, farmaci, dispositivi medici e biocidi.

 

pdf Brochure ASSOERBE                  pdf Codice etico

 

  

 

≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈

 

 

ASSEMBLEA GENERALE

8/9 ottobre 2021

Hotel Gallia - Milano Marittima (RA)

 

Come da qualche tempo ormai ASSOERBE e SISTE condividono l’occasione dell’Assemblea generale dei soci, celebrando quest’anno rispettivamente i 20 anni ed i 40 anni dalla fondazione delle due associazioni.

Sarà inoltre affrontato un tema caldo di quest’ultimo periodo, ossia il problema dell’Aloe e la determinazione dei derivati idrossiantracenici.

Ci auguriamo che il programma sia di vostro interesse e vogliate vivere con noi questo importante momento.

 

Programma 8 ottobre 2021                                       Programma 9 ottobre 2021   

10.00  Registrazione partecipanti                                                  9.00 Visita guidata a Ravenna

11.00  Assemblea ASSOERBE (riservata ai soci)                                  Sulle strade di DANTE e 

13.00  Light lunch (riservato ai partecipanti assemblea)                        dei BIZANTINI

15.00  Conferenza                                                                       14.00  Lunch presso Hotel Gallia

17.30  I primi 40 anni di ASSOERBE

20.30  Cena di gala

 

Conferenza h. 15.00-17.00

La salute è una sola e dipende dall’ambiente

Gli eventi climatici estremi di questi ultimi tempi e la stessa pandemia sono il risultato di una politica globale basata unicamente sul profitto e sullo sfruttamento delle risorse naturali, senza tener conto delle conseguenze e dell’impatto negativo che le attività umane hanno sull’ambiente. L’uomo è riuscito a sconvolgere tutti gli equilibri del pianeta, rendendolo inospitale per la sua stessa specie: la salute, che è un processo sistemico che include il benessere della natura e del mondo animale (One Health, 2004), è la prima a risentirne.

La Terra è diventata un “inferno” per la sua stessa specie ed è necessario attuare politiche che puntino al riequilibrio di tutti i sistemi in un unicum rappresentato da aria, acqua, suolo ed esseri viventi per garantirne un futuro.

In occasione rispettivamente del 40esimo e 20esimo anno dalla loro fondazione, ASSOERBE e SISTE, unite dal comune interesse per l’ambiente, il mondo vegetale e la salute, dedicano a questi temi il tradizionale incontro annuale, ricordando come i simbolismi e le allegorie legati alle piante abbiano aiutato Dante nel suo percorso verso il “paradiso”.

La Conferenza sarà l’occasione per approfondire il ruolo che le piante possono avere per la sopravvivenza del pianeta Terra e delle specie viventi, ricordare che da questo “inferno” si può uscire anche grazie al contributo che ciascuno di noi può dare per far rispettare l’ambiente ed il bene preziosissimo rappresentato dalla salute, nostra e delle future generazioni.

 

Programma e relatori

 

15.00  Lectio magistralis: Prof. Stefano Mancuso

           QUALE RUOLO POSSONO SVOLGERE LE PIANTE PER GARANTIRE IL FUTURO

           DELL’UOMO E DEL PIANETA

Fondatore della neurobiologia vegetale e appassionato divulgatore, è stato incluso dal New Yorker tra coloro che sono ‘destinati a cambiarci la vita’. E’ tra le massime autorità mondiali impegnate a studiare e divulgare una nuova verità sulle piante, creature intelligenti e sensibili capaci di scegliere, imparare e ricordare. Professore ordinario presso l’Università di Firenze e ordinario dell’Accademia dei Georgofili, dirige il Laboratorio Internazionale di Neurobiologia Vegetale, con sedi a Firenze, Kitakyushu, Bonn e Parigi.

 

16.15  Dott.ssa Lisa Brancaleone

LA DIVINA BOTANICA: le erbe, i fiori e gli alberi di Dante

Botanica - Dipartimento di Scienze della vita e Biotecnologia Università di Ferrara Ideatrice e curatrice della Mostra Divina Botanica - Ferrara

 

16.45  Prof.ssa Antonella Viola: Intervento in video collegamento 

Professore Ordinario di Patologia Generale presso il Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Padova e Direttore Scientifico dell’Istituto di Ricerca Pediatrica (IRP-Città della Speranza). Ha coordinato diversi progetti di ricerca nazionali, europei e americani finalizzati allo studio del sistema immunitario e del cancro. 

 

17.30

Ricordiamo i primi 40 anni di ASSOERBE

Il 21 maggio del 1981 si riuniva il primo consiglio direttivo di ASSOERBE, “Associazione italiana fra coltivatori, raccoglitori, trasformatori, importatori, esportatori, grossisti e rappresentanti di case estere di piante medicinali ed aromatiche”.

Tra le finalità statutarie la difesa, il potenziamento e la valorizzazione della coltivazione, produzione e commercio delle piante medicinali ed aromatiche.

Un obiettivo ambizioso e lungimirante considerando il periodo storico nel quale ASSOERBE fu costituita, che l’associazione ha perseguito con determinazione e costanza prendendo sempre più forza e dando risultati rilevanti nei 40 anni successivi.

Le piante medicinali e aromatiche - le “officinali” della Legge del 1931, le “funzionali” del Dlgs 75/2018 - non erano ancora oggetto di accesi dibattiti in ambito nazionale ed europeo come oggi sono, né l’interesse primario della ricerca nei suoi diversi ambiti applicativi.

Il merito a quei pionieri di aver saputo credere nel futuro, affrontando momenti e sfide importanti, spesso da soli, ma ottenendo altrettanto importanti risultati su tanti fronti.

40 anni sono l’occasione giusta per ricordare e ringraziare quanti, credendo in questa missione, sono rimasti fedeli all’Associazione, difendendone i valori ed i principi, facendo crescere una realtà imprenditoriale ed un settore produttivo che dalla tradizione e storia ha costruito le sue basi e le sue regole e che con il rigore scientifico e la ricerca sta costruendo il suo futuro.

 

9 ottobre 2021 - Visita guidata a Ravenna

Sulle strade di DANTE e dei BIZANTINI

Il tour inizia con la visita alla zona dantesca di Ravenna: Tomba di Dante, Quadrarco di Braccioforte, zona del Silenzio, Piazza San Francesco e Basilica di San Francesco. Successivamente, si procederà con la visita a piedi dei principali monumenti UNESCO di Ravenna: SAN VITALE, GALLA PLACIDIA e SANT’APOLLINARE NUOVO.

Perché Ravenna e perché Dante? Ravenna fu il luogo dove il poeta, più immaginifico di sempre, trascorse gli ultimi anni della sua vita e concluse la stesura della Divina Commedia. Dante è in qualche modo legato al mondo vegetale. Pur non potendolo definire certamente un botanico, i cenni a piante officinali, erbe e fiori ricorrono numerosi nella Divina Commedia, usati come elementi simbolici dal valore allegorico e per arricchire ed integrare i paesaggi immaginari dei tre regni dell’aldilà. Per costruire le sue terzine ispirate alle piante, Dante si documenta, usando come riferimento il trattato sulle erbe medicinali di Dioscoride Pedanio, il botanico e medico greco vissuto nella Roma imperiale sotto Nerone, citato nel quarto canto dell’Inferno, nel Limbo, con l’epiteto di “buon accoglitor delle qualità delle erbe” (Inf., IV 139-140).

 

pdf  PROGRAMMA COMPLETO E MODALITA' DI PARTCIPAZIONE