Qualità e sicurezza delle piante officinali

Copertina ITA-Lug2016L’Italia ha una lunga tradizione nell’uso di piante officinali e aromatiche, ma il settore non è mai stato completamente normato. Ad oggi il riferimento per l’attività di erborista è ancora dato da norme a carattere generale degli anni ‘30 (L. 6.1.31 n. 99, RD 19.11.31 n. 1793, RD 26.5.32 n. 772) e da norme che riguardano nello specifico alcune piante (es. Manna, RD 12.08.1927, n. 1773; Cinchona, RD 8.03.1934, n. 736; Camomilla, L. 30.10.1940, n. 1724; Digitale, L. 9.10.1942, n. 142; Citrus A., Hypericum, Circ. Min. San. 20.10.1999; Gingko Biloba, Circ. Min. San. 21.11.2001; Kava-Kava, Circ. Min. Sal. 22.01.2002).

L’estensione dell’uso delle piante dai settori tradizionali, aromatico e liquoristico, a quello di integratori alimentari e alimenti arricchiti, richiede di approfondire e raccogliere la normativa esistente sull’argomento, caratterizzando il concetto di materia prima vegetale per questi scopi.

Le “Linee guida qualità piante officinali” si propongono quindi come punto di riferimento sia per gli operatori del settore che per gli organismi di controllo, affrontando gli aspetti della qualità e della sicurezza di piante non destinate al consumo alimentare tal quali, ma soggette a lavorazioni successive.

Il documento nasce dal lavoro congiunto di realtà produttive della filiera erboristica e realtà associative, e sarà periodicamente oggetto di revisione. 

 

Copertina ING

Italy has a long tradition of use of botanicals and aromatic plants, but the sector has never been fully regulated. To date the reference for the activity of a herbalist is still provided by general provisions dating back to the 1930s (Law 6/1/1931 nr 99, Royal Decree 19/11/1931 nr 1793, RD 26/5/1932 nr 772) and specific provisions concerning a few plants (e.g. Manna, RD 12.08.1927, No 1773; Cinchona, RD 8.03.1934, No 736; Chamomile, L. 30.10.1940, No 1724; Digitalis, L. 9.10.1942, No 142; Citrus A., Hypericum, Circular of Italian Health Ministry 20.10.1999; Gingko biloba, Circular of Italian Health Ministry 21.11.2001; Kava-Kava, Circular of Italian Health Ministry 22.01.2002).

Extending use of plants from the traditional sectors of flavourings and liquors to that of food supplements and fortified foods requires to  consolidate  and  collect  the relevant existing regulations,  by characterizing the concept of the plant raw material for these purposes.

In this light, the “Quality guidelines botanicals raw materials” intend to provide a landmark for both operators in the sector and control bodies, by facing the aspects of the quality and safety of plants not intended for human consumption as such, but subject to subsequent processing.

The document comes from the joint work of producers in the herbal products supply chain and herbal associations and will be subject to periodic revision.

 

Powered by Phoca Download